Album e Canzoni di The Cure | maTeo Radio

Prova1
Vai ai contenuti
The Cure - Top Albums
Top Album di The Cure selezionati per voi e preferiti da maTeo Radio

Greatest Hits - The Cure

Disintegration (Remastered) - The Cure

Pornography - The Cure

The Head On The Door (Remastered) - The Cure

Kiss Me Kiss Me Kiss Me - The Cure

Bloodflowers - The Cure

Disintegration (Deluxe Edition) - The Cure

Concert - The Cure Live - The Cure

Show - The Cure

Paris - The Cure

Breve disco-biografia dell' artista/i
The Cure è un gruppo musicale post-punk britannico nato nel 1976 in piena esplosione new wave. La sua formazione è variata più o meno regolarmente nel corso degli anni, comprendendo da un minimo di due fino a un massimo di sei membri. Il gruppo raggiunse l'apice del successo tra la metà e la fine degli anni ottanta (soprattutto con i singoli Close to Me e Lullaby). La costante del complesso è Robert Smith, suo fondatore e presente in tutte le formazioni nel corso dei decenni di attività. A luglio 2008 i Cure avevano venduto circa 28 milioni di dischi. L'album più venduto è la raccolta di successi Standing on a Beach del 1986, che solo negli Stati Uniti vendette più di due milioni di copie. Tra Regno Unito, Stati Uniti d'America e Italia, i Cure hanno avuto nella Top Ten 12 album (posizioni più alte: UK: Wish, numero 1; USA: Wish, numero 2; Italia: The Cure, numero 2) e 11 singoli (posizioni più alte: UK: Lullaby, numero 5; USA: Lovesong, numero 2, Italia: High, numero 2).

I nuovi Cure (Smith/Tolhurst/Gallup/Thompson/Williams) pubblicano quindi un nuovo album di studio, The Head on the Door del 1985, che rappresenta il primo grande successo commerciale della band: ognuno era felice e le session di registrazione erano contraddistinte da feste continue. «In questo album ci sono un sacco di canzoni diverse tra loro, ma possiede quella sorta di continuità che hanno quegli album tipo Disco Beach Party.» (Robert Smith sull'album The Head on the Door). Da questo album vengono estratti due singoli di successo, Inbetween Days e Close to Me (grazie ai quali i Cure si affermano anche in Italia), canzoni volutamente più leggere, i cui video vengono curati sempre da Tim Pope.

Il video per Inbetween Days è una visione caleidoscopica, che comprende una serie di grotteschi calzini colorati danzanti intorno al gruppo, ripreso in una sorta di negativo blu, con colori fluorescenti, mentre quello per Close to Me, inizialmente censurato dai media, vede i componenti del complesso che interpretano il brano con strumenti di fortuna (Thompson, ad esempio, invece di una tastiera suona un pettine), chiusi in un armadio che cade dalla cima di una scogliera. Nel 1987, esce il doppio LP intitolato Kiss Me Kiss Me Kiss Me: la copertina dell'album presenta un primo piano delle labbra di Smith, cariche di rossetto rosso acceso, su uno sfondo arancione altrettanto sgargiante. l lavoro contiene al suo interno pezzi ballabili, come How Beautiful You Are e Just Like Heaven, alternati a pezzi maggiormente orientati verso il rock psichedelico, quali If Only Tonight We Could Sleep, e ad altri tendenti invece a un rock più puro, come Shiver and Shake: «Kiss Me Kiss Me Kiss Me ha un suono più reale di The Head on the Door, che era un disco molto costruito. È un album molto rilassato, che infonde sicurezza. È la prima volta che siamo un gruppo dal tempo di Pornography.




Copyright © 2021 maTeo Radio - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti